L'Agriturismo

L’antico casolare “Le Case Marcieglie” grazie a:
  1. Servizi di ristorazione e di ospitalità,
  2. Laboratori su cibo, antichi mestieri, tradizioni locali,
  3. Attività di animazione ed accoglienza turistica,
invita e conduce i nostri ospiti alla scoperta di uno dei più importanti parchi italiani: il Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise.
Gli obiettivi principali della nostra struttura sono: la riscoperta dei sapori, il recupero dei saperi contadini, la conservazione della biodiversità all'interno delle nostre terre.

Le Origini

L'attuale piccolo borgo, meglio conosciuto dagli anziani come “Le Case Marcieglie” (Case di Marcello) è stato costruito nel 1600 ed ha avuto inizio da una singola stanza. Dopo di che il nostro nonno Marcello Gentilucci la ampliò con la costruzione di scale, porte e archi.

A quel tempo Marcello era considerato dalla gente un uomo ricco perché aveva appena un bue e un asino e li poteva utilizzare per lavorare la terra.

All'inizio del 1900 alcuni fratelli della Famiglia di Gentilucci lasciarono il loro paese e migrarono verso l'America: la nostra nonna Lucia, il marito Donato e dieci figli hanno vissuto nel casolare fino agli anni '60.

Negli anni '70 la famiglia del Gentilucci lasciò la casa originale e, fino agli inizi di questo secolo, questa struttura è stata utilizzata come fienile.

Per mangiare ...

Il cibo nel nostro Agriturismo è realizzato secondo la tradizione rurale: i nostri ospiti possono gustare diversi tipi di pasta (fettuccine con iolapi o asparagi), gnocchi di patate, ravioli di carne in brodo di pollo e alcuni molto tipici come M'nestra, P'lenta, Frascatieglie, C'p'llata.

Le carni provenienti dai nostri allevamenti, vengono cucinate rispettando i metodi tradizionali con pentole e tegami e cottura al forno che non prevedono l’utilizzo della brace. Le carni cucinate sono: pollo, coniglio, piccione, maiale, agnello e vitello.

Sulle nostre tavole potrete inoltre gustare prodotti quali formaggi di origine bovina, ovina e caprina provenienti da aziende agricole del nostro territorio e particolari tipicità quali il Tartufo di Campoli Appennino.

Ricette

RAP' E PATAT'

RAP' E PATAT'

Breve storia : Una delle poche verdure coltivate in questo territorio durante l’inverno, abbisogna di pochissima acqua e resiste alle temperature molto basse. La versione selvatica si chiama Rapeschia.
Ingredienti : Foglie di rapa (a ciocca), patate, olio di oliva, sale, aglio.
Preparazione : Sbollentare le verdure nell’acqua cuocendo insieme le patate e metterle a scolare. Soffriggere l’aglio con l’olio e mettere dentro le verdure e le patate tritate, far soffriggere.
P'LENTA

P'LENTA

Breve storia : Veniva preparata principalmente in inverno perché il condimento era a base di prodotti del maiale, ma soprattutto veniva mangiata spesso perché la disponibilità della farina rossa era maggiore. Viene chiamata in diversi modi in base alla preparazione: p’lenta lulla (polenta nuda) solo con farina rossa, p’lenta v'stuta (polenta vestita) nella farina vengono aggiunte patate e cime di rapa, p’lenta mar'tiata (polenta maritata), cotta nell’acqua dove era stato cotto il sanguinaccio (non dolce ma quello tradizionale salato). La polenta ha un aspetto cremoso, si solidifica quando viene stesa sul tavolozzo di legno per raffreddarsi e viene condita con sugo di pomodoro, salsiccia spuntature di maiale e abbondante formaggio possibilmente pecorino.
Ingredienti : Farina rossa di granturco (mais), pomodoro, olio, carne di maiale, formaggio pecorino e, a seconda delle varianti, gli altri ingredienti già nominati nella storia.
Preparazione : Mettere a bollire l’acqua e salarla, aggiungere verdure e patate e, quando bolle, aggiungere la farina poco per volta e girare senza fermarsi mai fino a cottura ultimata. Preparare il tradizionale sugo con le spuntature e le salsicce. Stendere la polenta sulla tavolozza in uno strato alto al massimo un 1 centimetro e mezzo, stendervi sopra il sugo e cospargere di formaggio.
M'NESTRA

M'NESTRA

Breve storia : Piatto molto ricco, pasto principale della giornata contadina che variava negli ingredienti in base alla stagione. La preparazione richiedeva diverse ore di cottura: per questo una donna, quasi sempre la più giovane della famiglia, si alzava alle cinque del mattino per portare il piatto pronto sui campi a mezzogiorno. Il condimento principale era l’osso di prosciutto (in dialetto “C'NN'TUR”) che veniva addirittura riutilizzato più volte e prestato anche ai vicini.
Ingredienti : Pezzi di prosciutto, cotechino, cipolle, aglio, peperoncino, olio, pomodoro, legumi misti, patate, carota, verdure di stagione, pane raffermo. In inverno: cime di rapa; in primavera: verdure di campo; in estate: cime di zucca e zucchine.
Preparazione : Mettere in una pentola la carne di maiale, cotechini, pezzi di prosciutto con l’acqua, aggiungere tutte le verdure sminuzzate; quando le verdure sono ben cotte aggiungere i legumi cotti precedentemente. Versare il tutto sul pane raffermo tagliato a dadini, soffriggere aglio e peperoncino e versarlo sul piatto preparato. Coprire e lasciare riposare per mezzora.
C'P'LLATA

C'P'LLATA

Breve storia : Piatto tradizionale principalmente estivo, veniva preparato sopratutto nel mese di agosto quando le cipolle venivano cavate dal terreno negli orti, o venivano acquistate in mercati e fiere durante la feste come Santa Costanza o festa delle cipolle (donne non sposate).
Ingredienti : Cipolle, carne di maiale e pollo, olio, pomodoro, uovo, pane raffermo.
Preparazione : Rosolare con olio la carne sminuzzata con qualche pezzetto di pomodoro aggiungere l’acqua, in una padella soffriggere le cipolle tagliate a fettine con l’olio, una volta soffritte aggiungere nel brodo. Sbattere le uova e versarle nel brodo che bolle versare il tutto sul pane raffermo tagliato a dadini.
FRASCATIEGLIE

FRASCATIEGLIE

Breve storia : Piatto unico della tradizione sandonatese, veniva preparato sopratutto per le donne che allattavano i bambini perché le aiutava nella produzione del latte, gli ingredienti erano minimi e facilmente reperibili nelle case contadine; unico periodo dove la donna veniva trattata nel miglior modo possibile soprattutto se era mamma di latte (balia). Unico piatto che non contiene verdure e legumi perché veniva mangiato dalle nutrici.
Ingredienti : Carni miste (maiale, manzo), cipolla, farina bianca, uovo, sale, olio, acqua, pomodoro.
Preparazione : Preparare un impasto di farina ed uova che deve essere amalgamato e in seguito sbriciolato fino ad ottenere una grana sottilissima. Versare la grana nel brodo che continua a bollire un po’ alla volta mescolando di continuo per non avere grumi. Far cuocere fino a quando assume una consistenza cremosa non troppo densa.

Per dormire ...

Difficile non essere attratti dalla elegante semplicità di questi ambienti rustici, resi accoglienti da un arredamento sobrio e confortevole, ai quali si aggiungono i servizi moderni di cui il nostro agriturismo è dotato: riscaldamento, bagno privato con doccia.

Ci preme ricordare ai nostri ospiti che gli spazi dell’Agriturismo, stanze da letto e Sala da Pranzo, non sono dotati di apparecchiature TV.

Le Camere

Prezzi

 
B&B
Mezza pensione
Pensione completa
Bassa Stagione
€ 26,00
€ 44,00
€ 57,00
Alta Stagione (*)
€ 27,00
€ 46,00
€ 60,00

Tariffe a notte per persona.
Il prezzo include: prima colazione, biancheria da letto e da bagno con cambio ogni tre giorni e pulizia finale.
(*) Festività pasquali e natalizie, stagione estiva dal 1/07 al 31/08.

Attenzione

 

  1. Siamo spiacenti, ma non possiamo ricevere, per il momento, carte di credito né bancomat.
  2. Per informazioni e prenotazioni chiamare i numeri +39 3283182068 oppure +39 3314946131;
  3. Per confermare è possibile scaricare il Modulo di Conferma e spedirlo via email all'indirizzo info@lecasemarcieglie.com;
  4. Supplemento per persona singola in camera: € 8,00 in bassa stagione, € 10,00 in alta stagione;
  5. Riduzione bambini: gratuito da 0 a 3 anni, 15% da 4 a 8 anni;
  6. Sconto per soggiorni di oltre 6 notti da concordare al momento della prenotazione;
  7. Gli animali sono i benvenuti, ma la cura degli stessi va demandata ai clienti;
  8. Il check-in avviene dalle ore 14:30 alle ore 22:30 del giorno di arrivo (orario diverso di arrivo deve essere concordato prima);
  9. Il check-out dalle ore 10:30 alle ore 11:00 del giorno di partenza.

Gallerie di foto

Attività

Didattica

Stagioni

Animali selvatici

Spazi aperti

Escursioni a piedi